blurred-book-book-pages-literature-46274

Editoria, gioia o disillusione?

Questo è il primo di una serie di articoli sull’editoria

Conosci la disillusione? È quella sensazione negativa che senti in seguito alla frantumazione dei tuoi sogni. Dove l’ho vista? Negli occhi di tante persone che ho incontrato in questi anni di lavoro in editoria. Persone che avevano appena pubblicato un libro, che pensavano di pubblicarlo, che si mettevano in aspettativa dal lavoro per scrivere il loro capolavoro, che mi guardavano come fossi un alieno per essere riuscito a pubblicare qualcosa, che si sentivano profondamente deluse per non essere diventate milionarie con la pubblicazione delle loro ricette…

Perché esiste questo genere di disillusioni? 

Perché quelle persone non si erano bene informate. Non avevano trovato nessuno che gli dicesse con sincerità come vanno davvero le cose nel settore dell’editoria, come funzionano i meccanismi della pubblicazione, della distribuzione, dei pagamenti, dell’impaginazione, della stampa, delle sponsorizzazioni, della promozione, degli e-book ecc.

Anch’io, dopo anni di lavoro in internet e grafica, pensavo di conoscere quei meccanismi. Ma mi sbagliavo. Le vere dinamiche del marcato editoriale le ho capite soltanto con il tempo, sbattendoci il naso.

Se avessi saputo subito le cose che conosco oggi, probabilmente avrei fatto le cose in maniera più ‘tecnica’ e magari avrei anche guadagnato di più. Il guadagno in questo settore è infatti un tasto dolente.

Per quanto mi riguarda posso dire di essere riuscito, almeno in questo momento della mia vita, a diventare uno scrittore di professione. Mi sono fidato del mio istinto e del mio entusiasmo, e tutto è andato alla grande.

Ma ho solo avuto fortuna.

Ne valeva la pena? Me lo chiedo spesso, ma credo di sì. Però penso che basarsi sulla fortuna non basti, se si vuole uscirne vincitori bisogna conoscere le regole del mercato e dominarle. La mia buona sorte, in un mercato editoriale italiano che, dati alla mano, non raggiunge mediamente le 100 copie vendute per ogni titolo stampato, è stata quella di riuscire a creare la mia piccola casa editrice e stampare e vendere in pochi anni oltre 14000 libri.

Sono riuscito a vincere la scommessa.

Ma la prossima volta credo che sceglierò di imparare le regole prima, e non dopo. In ogni caso, tramite questo blog che forse un giorno diventerà un libro, vorrei condividere la mia esperienza editoriale per vedere in futuro meno colleghi sognatori disillusi e indebitati come ne ho visti tanti in questi anni.

Perché scrivere è un sogno, ma pubblicare e vendere no: bisogna essere concreti, solidi e preparati. Io ho fatto mosse avventate, tu evitale, e vai con successo dritto all’obiettivo. In questo blog cercherò di essere soprattutto sincero e di raccontare le cose come stanno. Senza veli o segreti. Perché se hai iniziato a leggere significa che stai cercando risposte ai tuoi dubbi, che vuoi pubblicare il tuo libro senza inciampare in odiose trappole, rallentamenti o fregature. Cercherò di esserti d’aiuto mischiando la mia esperienza con i dati del mercato editoriale odierno, sperando di riuscire a tracciare una linea tra quello che conviene fare e quello che conviene evitare. Buona lettura (e buona scrittura).

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Email

Commenta!

I miei

Alfredo Paluselli

Vento
da Nord

La storia di Alfredo Paluselli, pioniere nelle dolomitti e custode del cimon della pala

Alfredo Paluselli - Dolomiti

Dolomiti
Vol. 1 & 2

Splendide fotografie delle Dolomiti abbinate alle frasi dei più grandi pensatori del mondo

il Diavolo generoso: la storia di Tita Piaz, il Diavolo delle Dolomiti

il Diavolo generoso

la storia vera di Tita Piaz, il Diavolo delle Dolomiti: avventure, drammi e conquiste